IL SISTEMA IMPIANTI

L’involucro realizzato con la tecnologia stratificata a secco utilizzando telai lignei altamente coibentato deve necessariamente associarsi ad un sitema-impianto che garantisca gli elevati comfort abitativi proposti utilizzando, ad integrazione del fabbisogno energetico, sistemi di energia rinnovabile in armonia con i presupposti di architettura ecosostenibile enunciati in premessa.

POMPA DI CALORE

pavimento
Le pompe di calore sono macchine termiche che operano trasferendo calore da un ambiente a temperatura più bassa (sorgente fredda) ad un altro a temperatura più alta (sorgente calda), utilizzando
energia elettrica. Esse operano con lo stesso principio del frigorifero e del condizionatore d’aria. Le pompe di calore possono essere classificate in base alla natura della sorgente fredda (primo termine) e di quella calda (secondo termine), che possono essere aria oppure acqua:

  • acqua-acqua: dove verrà riscaldata acqua trasferendo calore da altre acque;
  • acqua-aria: dove verrà riscaldata aria attingendo calore da acqua;
  • aria-aria: dove verrà riscaldata aria trasferendo calore da altra aria;
  • aria-acqua: dove verrà riscaldata acqua attingendo calore da aria.

RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Il riscaldamento è realizzato con pannelli radianti a pavimento a bassa temperatura, su massetto di sottofondo predisposto, con posa di pannello isolante in polistirene sinterizzato con sovrastante barriera al vapore, tubazioni in polietilene ad alta densità senza giunte completo di termostati ambiente diviso in due zone. Nei bagni è previsto oltre al riscaldamento a pavimento anche uno scalda salviette termoarredo con termostato di regolazione.

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

ventilazione
In un edificio tradizionale molto calore viene disperso dall’apertura delle finestre al fine di garantire un ricambio igienico dell’aria. Queste nostre abitudini comportano una certa incoerenza sulla necessità di risparmiare energia per riscaldare gli ambienti in quanto ci troviamo nelle condizioni paradossali di riscaldare l’aria per poi buttarla fuori dalla finestra. Nonostante ciò,
l’apertura delle finestre rappresenta un gesto quotidiano di assoluta importanza non solo per rendere l’aria più ossigenata, bensì per espellere anche l’umidità prodotta dalla vita quotidiana: nello specifico occorre sapere che una famiglia di 4 persone produce circa 8 litri di acqua al giorno sotto forma di vapore i quali, se non espulsi dall’abitazione, possono dar luogo a formazioni di muffe e condense nelle pareti. Per risolvere entrambi gli aspetti (risparmio energetico, salubrità degli ambienti) esiste un sistema denominato “impianto di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore” il quale provvede allo smaltimento dell’aria viziata senza espellere il calore contenuto in essa. L’apparato di ventilazione è costituito da un doppio sistema di canalizzazioni: una in entrata che prende l’aria dall’ambiente esterno, la filtra per trattenere le impurità come pollini o polveri, la convoglia in un recuperatore di calore e infine la immette negli ambienti “nobili” (quali soggiorni, camere, tavernette, ecc…) e una in espulsione tramite un secondo sistema che estrae l’aria da cucine e bagni, la convoglia nel recuperatore di calore (dove cede calore all’aria in entrata) e successivamente la espelle dall’edificio. L’impianto può essere integrato con un sistema di pre-riscaldamento mediante uno scambiatore interrato eotermico (geotermia a campo orizzontale) dove l’aria esterna viene preriscaldata prima che confluisca nel recuperatore.

RECUPERO ACQUE METEORICHE

E’ prevista l’installazione di una vasca di recupero delle acque piovane in maniera tale che tutte le acque raccolte nella cisterna interrata possano essere utilizzate per i fabbisogni quotidiani
(scarico idrico dei sanitari, rubinetti giardini esterni, collegamento impianti di irrigazione).

DOTAZIONE IMPIANTO IDRICO-SANITARIO

L’impianto idro-sanitario è costituito da:

  • SERVIZIO IGIENICO PADRONALE: completo di lavabo, WC bidet, con apparecchi sanitari in porcellana bianca tipo DURAVIT sospeso mod. DURAPLUS; rubinetteria con miscelatori monocomando TEOREMA, vasca IDROMASSAGGIO Cesana Mixplus o similare da cm 170×70;
  • SERVIZIO IGIENICO NOTTE (se previsto): completo di lavabo, WC bidet, con apparecchi sanitari in porcellana bianca tipo DURAVIT sospeso mod. DURAPLUS; rubinetteria con miscelatori monocomando TEOREMA, piatto doccia filo pavimento da circa cm 70×160;
  • LAVANDERIA: completo di VASCHETTA, WC bidet, con apparecchi sanitari in porcellana bianca tipo DURAVIT sospeso mod. DURAPLUS; rubinetteria con miscelatori monocomando IDEAL STANDARD serie CERAPLAN, piatto doccia da circa cm 90×90 oltre agli attacchi per lavatrice e asciugatrice;
  • CUCINA: attacco per lavello e lavapiatti.
  • GIARDINO: attacco rubinetto sia in corrispondenza del giardino al piano seminterrato che in corrispondenza del giardino al piano rialzato in prossimità del marciapiede perimetrale.

PRODUZIONE ENERGIA ELETTRICA

La produzione di energia elettrica è supportata da un impianto fotovoltaico con pannelli solari montati sulla copertura dell’edifico. Un modulo fotovoltaico è un dispositivo in grado di convertire l’energia solare direttamente in energia elettrica mediante effetto fotovoltaico ed è impiegato come generatore di corrente in grado di integrare il fabbisogno energetico dell’edificio; il solare termico provvederà al riscaldamento dell’acqua sanitaria ad uso domestico.

NO GAS

Il progetto non prevede l’utilizzo di gas metano e quindi annulla completamente l’incremento del consumo di combustibili fossili. Nelle cucine viene predisposto l’impianto elettrico per l’utilizzo dei forni ad induzione con notevoli vantaggi sia per la sicurezza sia per l’utilizzo. Principali vantaggi:

  • Assenza di fiamme.
  • Efficienza elevata con conseguente risparmio energetico.
  • Velocità di riscaldamento.
  • Nessuna parte del forno che si scalda (la pentola stessa si scalda, ma il forno resta freddo).
  • Impossibilità di scottarsi o subire danni per elettrocuzione.

DOTAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

La dotazione tipica di ogni unità residenziale è la seguente:
SOGGIORNO

  • n°2 punti luce semplice a soffitto o a parete + n°2 interruttori + n°3 deviatori + n°1 commutatore / invertitore
  • n°4 prese da 2×10/16A+T
  • n°1 pulsante esterno di chiamata
  • n°1 presa TV + n°1 presa telefonica
  • n°1 videocitofono
  • n°1 ronzatore a 12V modulare da incasso + n°1 suoneria a 12V modulare da incasso

CUCINA – PRANZO

  • n°1 punto luce semplice a soffitto o parete + n°2 interruttori
  • n°3 prese da 2x16A+T con interruttore automatico magnetotermico + n°6 prese da 2×10/16A bivalenti o Schuko
  • n°1 derivazione per allaccio cappa di aspirazione + n°1 nodo equipotenziale
  • n°1 presa TV

BAGNO e LAVANDERIA

  • n°1 punto luce semplice a parete + n°1 punto luce semplice a soffitto + n°2 interruttori
  • n°2 prese da 2×10/16A+T bivalenti o Schuko + n°1 nodo equipotenziale + n°1 pulsante a tirante

CAMERA DA LETTO MATRIMONIALE

  • n°2 punti luce semplice a soffitto o parete + n°2 interruttori
  • n°4 prese da 2×10/16A+T + n°1 presa TV + n°1 presa telefonica
  • n°2 deviatori + n°1 commutatore/invertitore + n°1 pulsante di chiamata

CAMERA DA LETTO SINGOLA – DOPPIA

  • n°1 punto luce semplice a soffitto + n.2 interruttori
  • n°1 presa TV + n°1 presa telefonica
  • n°3 prese da 2×10/16A+T + n°2 deviatori + n°1 pulsante di chiamata

DISIMPEGNI

  • n°1 punto luce a soffitto + n°2 deviatori + n°1 invertitore + n°1 prese da 2×10/16A+T

LOCALE ACCESSORIO PIANO SEMINTERRATO

  • n°2 punti luce a soffitto + n°2 deviatori + n°1 invertitore
  • n°2 prese da 2×10/16A+T + n°1 presa telefonica + n°1 presa TV + n°1 citofono
  • n°1 ronzatore a 12V modulare da incasso + n°1 suoneria a 12V modulare da incasso

AUTORIMESSA

  • n°2 punto luce semplice a soffitto con interruttore stagno + n°2 prese 2x10A+T stagna

ILLUMINAZIONI ESTERNE (tipologia corpi illuminanti e ubicazione a scelta D.L.):

  • Giardino Piano Seminterrato: n°2 punti luce a “lampioncino su stelo”
  • Giardino Piano Rialzato: n°1 pozzetto predisposto per attacco luce
  • Portico Piano Seminterrato: n°4 faretti ad incasso a pavimento/parete
  • Terrazza-Pergolato al Piano Rialzato: n°6 faretti ad incasso a pavimento/parete
  • Scala Esterna: n°6 faretti ad incasso a pavimento/parete
  • Marciapiede a nord: n°2 faretti ad incasso a pavimento/parete
  • Facciata Sud: n°2 punti luce a parete completo di apparecchio illuminante
  • Facciata Est: n°1 punto luce a parete completo di apparecchio illuminante

IMPIANTO ANTINTRUSIONE: è prevista la realizzazione per l’impianto antintrusione del tipo volumetrico e perimetrale, nonché completato con l’installazione di nr.2 telecamere di sorveglianza, integrabile con l’impianto di domotica base.
IMPIANTO TV SATELLITARE: è prevista la realizzazione dell’impianto tv satellitare completo di n°1 parabola per ogni unità abitativa posizionata sul tetto di ogni edificio.

FRUTTI TIPO TOUCH

Sono previsti interruttori del tipo Touch; il pulsante e il dimmer rimangono completamente invisibili, nascosti dietro una placca in cristallo, sensibile al semplice tocco o sfioramento. Basta infatti sfiorare il sensore con un dito per accendere la luce. Un secondo sfioramento permette di spegnerla.