IL PROGETTO

Gli intenti del progetto sono rivolti ad un’ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (detta anche green building o bioarchitettura) finalizzata a progettare e costruire edifici in grado di limitare gli impatti nell’ambiente. Piuttosto che un ambito disciplinare, l’architettura sostenibile è un approccio culturale al progetto che fa riferimento alla Baubiologie (bioedilizia) nata negli anni settanta in Germania, e che si è poi sviluppata includendo i principi ecologici e il concetto di sviluppo sostenibile.

Le scelte progettuali adottate, a parteire dalla tecnologia costruttiva, alla dotatazione degli impianti tecnologici, alla scelta dei materiali, ecc., sono finalizzate alla realizzazione di edifici residenziali che possano offrire un elevato livello di comfort abitativo ed un basso fabbisogno di energia (decisamente inferiore ai 29 KWh/mqa che garantirà una Classe Energetica A) quest’ultima comunque integrata da fonti rinnovabili, all’insegna del riaprmio energetico e del ripetto dell’ambiente.
Si tratta dunque di tre nuovi edifici a destinazione residenziale unifamiliari – ville singole – di medie dimensioni che distribuiscono le destinazione abitative su unico piano rialzato (soggiono/pranzo, cucina, camere da letto e servizi igienici); i locali accessori trovano collocazione al piano seminterrato “incassato” nella collina verso monte (fronte nord) e libero sul fronte di valle (prospetto sud) grazie al forte declino naturale della collina (qui trovano collocazione l’autorimessa doppia, un vano stireria/stenditorio/multiuso, la lavanderia e un locale destinato agli impianti tecnologici).
Gli aspetti progettuali di magiore rilevanza sono fondamentalmente due:

  1. la tecnologia costruttiva: con scelte progettuali rivolte ad un’architettura da design moderno ma nel contempo ecosostenibile affinchè determini un basso impatto ambientale;
  2. la dotazione degli impianti tecnologici, finalizzata a scelte di elevato comfort abitativo e di bassi consumi energetici.

Villa A

Contattaci per una Quotazione

  • Lotto Esclusivo: 713 Mq
  • Residenza Piano Rialzato: 111 Mq
  • Accessori Piano Semi Int.: 103 Mq
  • Portico Coperto Semi Int.: 40 Mq
  • Terrazzo Pergola Rialzato: 77.50 Mq

Brochure Villa A

Villa B

Contattaci per una Quotazione

  • Lotto Esclusivo: 570 Mq
  • Residenza Piano Rialzato: 111 Mq
  • Accessori Piano Semi Int.: 103 Mq
  • Portico Coperto Semi Int.: 48 Mq
  • Terrazzo Pergola Rialzato: 77.50 Mq

Brochure Villa B

Villa C

Contattaci per una Quotazione

  • Lotto Esclusivo: 520 Mq
  • Residenza Piano Rialzato: 111 Mq
  • Accessori Piano Semi Int.: 103 Mq
  • Portico Coperto Semi Int.: 34 Mq
  • Terrazzo Pergola Rialzato: 74.50 Mq

Brochure Villa C

Con questo progetto si è cercato di creare la corretta armonia nella progettazione integrata tra sistema energetico e composizione architettonica dell’edificio.
Nelle scelte inerenti la “progettazione energetica” si sono presi in considerazione i seguenti fattori fondamentali:

  1. l’approccio bioclimatico (orientamento, soleggiamento e ombreggiamento, ventilazione naturale);
  2. la coibentazione dell’involucro edilizio (riduzione del fabbisogno energetico per riscaldare e raffreddare i locali abitati);
  3. il ricorso a fonti energetiche rinnovabili (fotovoltaico e solare termico);
  4. l’efficienza degli impianti (riduzione dei consumi a parità di prestazione).

Lo scopo del costruire è il benessere degli abitanti, inteso come uno stato psicofisico cui concorre la salute dell’individuo, l’equilibrio socioeconomico e la cura dell’ambiente. In questa visione l’edificio non è un oggetto a sé stante, slegato dal contesto, ma parte di un sistema interattivo e dinamico che considera gli elementi naturali (terra, acqua, vento, sole, vegetazione) e sociali (identità e appartenenza ai luoghi) come materiali fondamentali del progetto.
L’estetica è stata, durante i primi anni di esperienza dell’architettura sostenibile, un aspetto trascurato, sacrificato sull’altare dell’efficienza dei sistemi solari attivi (pannelli solari); oggi mi pare ci si sforzi di rendere il costruito “bello”, proprio in aderenza al principio che la bellezza degli edifici contribuiscono al benessere psichico delle persone.

il Progettista: Dott. Arch. Poltronieri Beretta Guido